L'antiossidante più gustoso

Scopri la lineacaffè puro

L'antiossidante più gustoso

artIl caffè è una delle fonti dietetiche più ricche di antiossidanti naturali, cioè di quelle molecole che agiscono rallentando o neutralizzando i danni causati dai radicali liberi. Da uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition nel luglio del 2006, sulla capacità antiossidante di più di mille alimenti, emerge che il caffè si colloca fra i primi 50.
Messi a paragone con quelli presenti in altri alimenti, però, gli antiossidanti del caffè hanno una marcia in più. Anzi, due: perché, oltre ai composti fenolici presenti nel prodotto all'origine (l'acido clorogenico e i derivati dell'acido cinnamico, di cui uno dei composti è, appunto, l'acido caffeico), ci sono anche gli antiossidanti che si formano durante la torrefazione del chicco, come reazione tra gli zuccheri e le proteine del caffè. A questi ultimi, chiamati melanoidine, si deve fra l'altro il colore bruno del prodotto tostato. Acidi clorogenici da una parte e melanoidine dall'altra si alleano per neutralizzare i radicali liberi.
Gli antiossidanti sono in grado di bloccare sul nascere il processo ossidativo, oppure possono intervenire per fermarlo una volta che si sia innescato.

pacInoltre, gli antiossidanti aiutano a potenziare le naturali difese antiossidanti del nostro organismo, contribuendo a combattere l’azione dannosa dei radicali liberi.
Dunque c'è una saggezza popolare nel consumare il caffè alle 8 del mattino e alle 13 dopo colazione e pranzo: in questo modo, infatti, noi provvediamo a offrire regolarmente al nostro organismo un'ottima carica antiossidante. Inoltre, il caffè consumato al mattino, prima di colazione ha la stessa funzione dell'aperitivo consumato prima del pasto, attivando gli enzimi pancreatici e preparando lo stomaco per la digestione e proteggendo il cibo così dall'ossidazione durante l'intero processo di digestione, trasporto e metabolismo.
Questa capacità, però, varia a seconda del tipo di caffè. Uno studio italiano, pubblicato nel 2003 sul Journal of Nutrition, rivela che la quantità di antiossidanti è massima nel caffè espresso, seguito da quello solubile, dalla moka e dall’espresso decaffeinato.
Teniamo, comunque, presente che l'apporto di antiossidanti del caffè per forza maggiore è in quantità limitata e, quindi, dovrà andare a integrarsi con gli antiossidanti forniti da una dieta quotidiana variata comprensiva di frutta e verdura.

FONTI E RIFERIMENTI
Rice-Evans, C.A. et al. Free Radical Biology and Medicine, 20, 933-956, 1996.
Hollman, P.C.H. Journal of the Science of Food and Agriculture, 81, 842-852, 2001.
Clifford, M.N. et al. Journal of the Science of Food and Agriculture, 79, 362-372, 1999.
Olthof, M.R. et al. Journal of Nutrition, 131, 66-71, 2001.
Olthof, M.R. et al. Journal of Nutrition, 133, 1806-1814, 2003.
Nicoli, M.C. et al. Lebensmittel, Wissenschaft und Technologie, 30, 292-297, 1997.
Daglia, M. et al. Journal of Agricultural and Food Chemistry, 48, 1449-1454, 2000.
Del Castillo, M.D. et al. Journal of Agricultural and Food Chemistry, 50, 3698-3703, 2002.
Borrelli, R.C. et al. Journal of Agricultural and Food Chemistry, 50, 6527-6533, 2002.
Richelle, M. et al. Journal of Agricultural and Food Chemistry, 49, 3438-3442, 2001.
Pellegrini, N. et al. Journal of Agricultural and Food Chemistry,51, 260-264,2003.
Svilaas, A. et al. Journal of Nutrition, 134, 562-567, 2004.
Natelle, F. et al. Journal of Agricultural and Food Chemistry, 50, 6211-6216, 2002.
http://www.nestle.it/Wellness_News/AlimentiDelBenessere/CaffeFontePreziosiAntiossidanti.htm?search=caff%C3%A8
http://www.nestle.it/Wellness_News/AlimentiDelBenessere/ScopriProprietaAntiossidantiCaffe.htm?search=caff%C3%A8
Condividi su: